Gestione dei servizi innovativi come fattore di successo per i commercianti locali.

Autore: Rainer M. Sigmund (Dipartimento Marketing & Commerciale)
Fonti d’ immagine:

Gestione innovativa dell’ assistenza come fattore di successo per il rivenditore locale.

Il rivenditore locale sperimenta se stesso sulla scia della rapida evoluzione della digitalizzazione. La sensibile svalutazione del commercio stazionario attraverso il commercio elettronico è un fenomeno di lunga durata. Le dinamiche del commercio elettronico sono elevate. Secondo l’ istituto universitario “ibi reserarch” dell’ Università di Ratisbona, il commercio elettronico continua a crescere fortemente, con un tasso di crescita medio annuo del 20,0 per cento tra il 2007 e il 2015, nonostante il fatto che nello stesso periodo le vendite dell’ intero settore retail, compreso il commercio al dettaglio, siano diminuite su base corretta per i prezzi. Questo esiguo sviluppo del commercio (stazionario) avviene principalmente a spese dei piccoli e medi rivenditori specializzati. La loro quota di mercato in Germania è diminuita del 40% circa dal 2000.

Le tecnologie mobili, i social media versatili come piattaforma pubblicitaria e di immagine a basso costo e altamente efficace, nonché le possibilità di un commercio online professionalizzato stanno cambiando radicalmente il comportamento dei consumatori. Sviluppi sociali, consumatori con una struttura di valore distorta e aspettative accresciute; i negozi online professionali colpiscono perfettamente il nervo dei tempi e sono tremendamente forti dove il commercio stazionario non segue. La piccola azienda a conduzione familiare, come una multinazionale, deve seguire le tendenze e agire in modo innovativo il più rapidamente possibile, altrimenti sarà “acquistata a morte” dai propri clienti attraverso canali alternativi.

La normalizzazione della digitalizzazione, le innovazioni tecniche nel commercio online e le relative opportunità nella politica di applicazione e di tariffazione sono incentivi all’ acquisto che raggiungono consumatori selezionati nel più breve tempo possibile.

Un accesso più rapido alle informazioni che sono cruciali per le decisioni di acquisto, l’ aumento delle aspettative dei consumatori sulla qualità del servizio nei negozi al dettaglio, spinge i rivenditori a ripensare il loro pensiero e in gran parte a cambiare la loro cultura aziendale. Il meglio del mondo digitale deve essere implementato e combinato con le competenze personali. Questo crea una nuova dinamica di approcci innovativi nella gestione dei servizi come fattore di successo per il retailer locale.

A mio parere, le possibilità del nostro mondo digitalizzato e l’ interesse naturale dell’ uomo per il nuovo e l’ ignoto sono fattori diretti per una maggiore “antisocializzazione” della società, che si riflette nel comportamento d’ acquisto. Guardando al segmento del segmento under 30 anni, ci si può attendere un chiaro cambiamento per il “cliente del futuro”: Solo il 23% di questo gruppo è costituito da “commercianti tradizionali”. Gli “acquirenti online selettivi” costituiscono la maggioranza con il 52%. Gli “entusiasti acquirenti online” sono quasi il doppio di quelli del segmento sotto i 30 anni (20%) rispetto alla popolazione totale “, afferma una dichiarazione di” ibi research “dell’ Università di Ratisbona.

La maggior parte degli imprenditori è ovviamente consapevole del fatto che gli sviluppi per il commercio stazionario non solo significano un ripensamento per i dettaglianti locali, ma anche che costano sempre più posti di lavoro, importanti relazioni commerciali e l’ attrattiva delle destinazioni. Tuttavia, gran parte delle persone colpite non è disposta ad accettare il problema ovvio, che può ancora andare bene a breve termine, a seconda della soluzione che la successione individuale dovrebbe avere.
Solo pochissime aziende non vedono alcun beneficio diretto in un investimento necessario in tempo per una pianificazione aziendale innovativa e marketing strategico, e in un puro spreco di denaro se un esperto esterno dovesse essere coinvolto. Ritengo che questo investimento rappresenti un costo relativamente basso in termini di posizionamento a lungo termine, orientato agli obiettivi e sostenibile e che il successo commerciale a medio termine come rivenditore locale sia direttamente correlato a questo. Ciò non vale solo per il commercio stazionario.

Con la quota crescente del commercio online, i negozi tradizionali perdono il loro ruolo centrale. Le relazioni interpersonali perdono sempre più valore e i margini di scambio vitali nel business online vengono calcolati e sfruttati senza pietà in un mercato target molto più ampio e con costi di struttura notevolmente inferiori.

Oggi più che mai, le componenti generali della politica e della gestione delle destinazioni diventano sempre più importanti come pionieri strategici. Queste istituzioni sono responsabili delle condizioni sociali e sociali delle rispettive sedi e hanno un’ influenza significativa sulle decisioni imprenditoriali.

Le grandi società internazionali, i marchi forti e i dettaglianti affermati continueranno ad espandersi, mentre il commercio al dettaglio su piccola scala sarà gradualmente indebolito. Il mix di trading online e offline è già un’ attività quotidiana per i principali operatori, che godono di ampi vantaggi competitivi rispetto ai piccoli dettaglianti.

Nei luoghi buoni, come i centri delle grandi città o i centri commerciali designati, le cifre di vendita dei principali operatori e delle loro filiali continueranno a crescere, mentre le cifre alla periferia diminuiranno. Da un lato, è difficile arrestare il declino dei consumatori e, dall’ altro, i costi strutturali sono in aumento. Il commercio elettronico è molto frammentato e i grandi operatori possono competere molto meglio con i commercianti di Internet ad alto giro d’ affari del rivenditore locale con la sua struttura dei prezzi o il piccolo negozio online. Durante il processo di acquisto, i servizi digitali, attualmente principalmente la semplice ricerca online, sono utilizzati da tutti i gruppi di età e consumatori. Il moderno “consumatore multicanale” vuole utilizzare informazioni aggiuntive come informazioni sui prodotti, confronti dei prezzi e opinioni di terze parti per la sua decisione d’ acquisto in qualsiasi luogo, in qualsiasi momento.

Il commercio stazionario e il commercio online devono essere sempre più collegati. Negli ultimi anni, i dettaglianti specializzati hanno costruito siti web e successivamente sviluppato ulteriormente tali siti per aprire negozi on-line, il che dovrebbe portare loro il fatturato necessario per rimanere competitivi. Ad esempio, i canali di vendita devono essere collegati in modo intelligente per offrire prodotti che non sono più disponibili presso il rivenditore locale direttamente nel negozio online personalizzato e per poter accedere rapidamente e facilmente alla disponibilità del produttore. Le strategie di vendita devono adattarsi costantemente agli sviluppi tecnici e alle relative esigenze. Il futuro consumatore Omni-Channel sarà in grado di condurre la sua attività attraverso tutti i canali con il minimo sforzo utilizzando le più recenti tecnologie.

I rivenditori intelligenti rilancieranno il commercio stazionario di piccole dimensioni con idee innovative, capacità imprenditoriali e consulenza di esperti. Tutti i rivenditori locali che vogliono vedere un futuro di successo oltre il 2020 dovranno sviluppare un profilo sostenibile e costruire un marchio forte per posizionarsi chiaramente sul mercato.

Gli imprenditori di successo del commercio stazionario di piccole dimensioni riusciranno a tenere il passo con le tendenze, mantenendo clienti regolari e attirando nuovi clienti. Ogni giorno vengono lanciati sul mercato nuovi prodotti di innovazione digitale e queste soluzioni del mondo digitalizzato sono utilizzate a sostegno delle competenze personali. Le innovazioni tecniche non sono un fine a se stesse o un espediente di marketing, ma servono al successo delle operazioni grazie alla digitalizzazione normalizzata.

L’ obiettivo è far sì che il consumatore percepisca i prezzi al singolo rivenditore come ragionevoli, riconosca il valore aggiunto del servizio personale e effettui un acquisto nonostante un prezzo più elevato. Naturalmente, le aspettative del potenziale consumatore devono essere realistiche, il che crea il giusto posizionamento e la comunicazione individuale sul mercato. Anche il reparto acquisti sarà animato dall’ emozione e dall’ esperienza. In futuro, non parleremo più di “consumatori Omni Channel”, ma piuttosto di “consumatori Omni Experience”.

I nostri partner ed esperti nel campo dello sviluppo commerciale, marketing e vendite saranno lieti di fornirvi un supporto competente.

Amichevole
Il tuo Vinburg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *